“Quante volte avrei voluto…”

Culto di Domenica 23 Luglio 2017 – “Quante volte avrei voluto…”

LA PAROLA

Matteo 23: 37-39
Il lamento di Gesù su Gerusalemme
37 «Gerusalemme, Gerusalemme, che uccidi i profeti e lapidi quelli che ti sono mandati, quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli, come la chioccia raccoglie i suoi pulcini sotto le ali; e voi non avete voluto! 38 Ecco, la vostra casa sta per esservi lasciata deserta. 39 Infatti vi dico che da ora in avanti non mi vedrete più, finché non direte: “Benedetto colui che viene nel nome del Signore!”»

IL CULTO

[su_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=PKmDupOiMg0″ width=”500″ height=”500″ autoplay=”no”]

IL MESSAGGIO

Nei versetti oggetto della meditazione di oggi possiamo leggere la tristezza di Gesù nei confronti di Gerusalemme che, nonostante avesse visto le Sue opere e avesse gustato i Suoi insegnamenti, continua a rifiutarLo.
Il desiderio di Gesù era quello di proteggere Gerusalemme come una chioccia fa con i pulcini, al sicuro sotto le proprie ali​,​ ma troppe volte questa protezione è stata rifiutata dal popolo. Oggi noi rappresentiamo la Gerusalemme spiriturale e Gesù è in mezzo a noi pronto per farci del bene e proteggerci​. ​T​a​​nt​e​ volte Egli ha avuto per noi questi buoni propositi​,​ ma noi abbiamo rifiutato.
Cosa ci può portare a rifiutare la benedizione di Dio?
Il mancato ascolto della Sua parola è certamente uno dei punti chiave, spesso ci intestardiamo e rifiutiamo volontariamente una parte della parola di Dio che a noi “fa scomodo” accettare, il nostro orgoglio ci spinge ad andare avanti per la nostra strada nonostante essa non sia la volontà del Signore (Numeri 22: 1-41).
Facendo ciò​,​ costringiamo​ noi stessi​ a vivere nell’ira, nella rabbia e lontani dalla gioia e dalla pace di Cristo.
Gesù è sempre buono, ma per gustare questa bontà dobbiamo fidarci completamente di lui, senza alcuna riserva.
Dobbiamo sforzarci di guardare ciò che ci circonda con gli occhi della fede e non con il nostro ​”​io​”​ carnale​.​ Satana ​infatti ​è astuto ​e​ ingannatore e cercherà sempre di distogliere il nostro sguardo da Cristo e dalla Sua parola; lui sa che se siamo perseveranti e ubbidienti alla parola .. Dio sarà con noi in ogni tempo.
Chi non vive il vangelo è sotto l’inganno del diavolo, imitiamo Cristo e Lui stesso trasformerà il male che c’è in noi in bene; Gesù, sulla croce, è riuscito a vincere il peggiore dei mali, la morte, attraverso il Suo immenso amore.
​Facciamo nostro il versetto 21 in Romani 12: “Non lasciarti vincere dal male, ma vinci il male con il bene.”, siamo deboli con chi è debole e forte con chi è forte “armandoci” nella lotta della Santa Parola di Dio.
Giuseppe è ancora oggi una bellissima dimostrazione di come il bene può sconfiggere il male, il suo perdono nei confronti dei propri fratelli dimostra quanto sia grande la sua fiducia nel Signore e l’amore nei Suoi confronti (Genesi 45: 8).
Ricordiamoci che Gesù è il vincitore per eccellenza ed è più forte di colui che è nel mondo, impegniamoci a ricercare la perfezione e vivere nella pace affinché Dio possa essere sempre al nostro fianco (2 Corinzi 13: 11).
Vivendo il Vangelo giorno dopo giorno il nostro comportamento griderà e testimonierà di noi molto più delle parole, le persone vedranno il nostro comportamento, se ne compiaceranno e daranno indirettamente gloria al nostro Dio.
Dio è Colui che ci trasforma ​radicalmente, fa di noi delle creature completamente nuove come fece con Giacobbe a cui cambiò anche il nome rafforzando la trasformazione che aveva operato in lui (Genesi 32: 28)​.
​Egli, però​,​ non ci obbliga ad essere trasformati, siamo noi che dobbiamo lasciarci plasmare.
Appartiamoci a tu per tu con la parola di Dio e meditiamola in profondità per poter ricevere​,​ non solo consolazione​,​ ma anche esortazione​: i due ingredienti necessari per far si che la parola sia edificante in noi.
Mettiamo quindi da parte il nostro orgoglio e lasciamoci andare con piena fiducia per ricevere da Dio tutti i buoni sentimenti da poter donare agli altri, del resto noi possiamo donare solo ciò che abbiamo.
Restiamo alla presenza del Signore per “discutere” insieme a Lui e di per certo vedremo la Sua gloria manifestata in noi ​ed intorno a noi.
Signore TRASFORMACI!

Dio ci benedica!