“Vedendo che erano in affanno”

Culto di Domenica 16 Febbraio 2020 – “Vedendo che erano in affanno”

LA PAROLA

Marco 6: 45-52
Gesù cammina sul mare
45 Subito dopo Gesù obbligò i suoi discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, verso Betsaida, mentre egli avrebbe congedato la folla. 46 Preso commiato, se ne andò sul monte a pregare.
47 Fattosi sera, la barca era in mezzo al mare ed egli era solo a terra. 48 Vedendo i discepoli che si affannavano a remare perché il vento era loro contrario, verso la quarta vigilia della notte, andò incontro a loro, camminando sul mare; e voleva oltrepassarli, 49 ma essi, vedendolo camminare sul mare, pensarono che fosse un fantasma e gridarono; 50 perché tutti lo videro e ne furono sconvolti. Ma subito egli parlò loro e disse: «Coraggio, sono io; non abbiate paura!» 51 Salì sulla barca con loro e il vento si calmò; ed essi più che mai rimasero sgomenti, 52 perché non avevano capito il fatto dei pani, anzi il loro cuore era indurito.

IL CULTO

[su_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=MZGvrs2Wnhk&feature=youtu.be” width=”500″ height=”500″ autoplay=”no”]

IL MESSAGGIO

Gesù è attento ai nostri affanni.
Di solito ci sentiamo in affanno quando una prova, un dolore o un’afflizione si dilungano nel tempo,
quando il pianto prende il posto della gioia, quando il dubbio prende il posto della fiducia in Dio.
I discepoli, pur remando con tutte le loro forze, non riescono a raggiungere l’altra riva, a causa del vento a loro contrario. Il mare è in tempesta e le loro forze vengono meno.
Ecco, però, che Gesù va loro in soccorso, non lasciando i discepoli in balia del vento e della tempesta.
Allo stesso modo Gesù non ci lascia nell’affanno, in balia degli eventi che minacciano la nostra vita.
Egli calma la tempesta e fa tacere il vento, toglie dal nostro cuore l’affanno.
Perciò dobbiamo custodire Gesù nella nostra barca (cuore), poiché Lui porta quiete e pace.
Gesù è indispensabile, è Colui che dà respiro all’anima con la Sua presenza.
Non far mancare Gesù.
L’affanno porta a fare scelte sbagliate (vedi Luca 10:38-42), a volte è permesso da Dio per non addormentarci.
Ogni prova, dolore o afflizioni permesse dal Signore ci aiutano a rimanere svegli:
“La prova della nostra fede produce costanza”.
Egli è la soluzione ad ogni nostro affanno.
Stai ancora remando, desideri arrivare all’altra riva, cerca quindi ciò che è santo, rimani nell’amore di Dio, custodendo nel tuo cuore i Suoi sentimenti.
Lascia che Gesù raggiunga la tua barca e tutto si calmerà, il vento contrario non soffierà più, la tempesta si placherà e tu raggiungerai l’altra riva.
Dio ti benedica.

“Oh mio cuor
calmo sta
sta sicuro, al sicuro in Gesù”

S.V.