Dio ha sempre qualcosa da dirti!

Culto di Domenica 08 Luglio 2018 – Il ricco … povero illuso!

LA PAROLA

Luca 7: 36-50
Gesù in casa di Simone, il fariseo
36 Uno dei farisei lo invitò a pranzo; ed egli, entrato in casa del fariseo, si mise a tavola. 37 Ed ecco, una donna che era in quella città, una peccatrice, saputo che egli era a tavola in casa del fariseo, portò un vaso di alabastro pieno di olio profumato; 38 e, stando ai piedi di lui, di dietro, piangendo, cominciò a rigargli di lacrime i piedi; e li asciugava con i suoi capelli; e gli baciava e ribaciava i piedi e li ungeva con l’olio. 39 Il fariseo che lo aveva invitato, veduto ciò, disse fra sé: «Costui, se fosse profeta, saprebbe che donna è questa che lo tocca; perché è una peccatrice». 40 E Gesù, rispondendo gli disse: «Simone, ho qualcosa da dirti». Ed egli: «Maestro, di’ pure». 41 «Un creditore aveva due debitori; l’uno gli doveva cinquecento denari e l’altro cinquanta. 42 E poiché non avevano di che pagare condonò il debito a tutti e due. Chi di loro dunque lo amerà di più?» 43 Simone rispose: «Ritengo sia colui al quale ha condonato di più». Gesù gli disse: «Hai giudicato rettamente». 44 E, voltatosi verso la donna, disse a Simone: «Vedi questa donna? Io sono entrato in casa tua, e tu non mi hai dato dell’acqua per i piedi; ma lei mi ha rigato i piedi di lacrime e li ha asciugati con i suoi capelli. 45 Tu non mi hai dato un bacio; ma lei, da quando sono entrato, non ha smesso di baciarmi i piedi. 46 Tu non mi hai versato l’olio sul capo; ma lei mi ha cosparso di profumo i piedi. 47 Perciò, io ti dico: i suoi molti peccati le sono perdonati, perché ha molto amato; ma colui a cui poco è perdonato, poco ama». 48 Poi disse alla donna: «I tuoi peccati sono perdonati». 49 Quelli che erano a tavola con lui, cominciarono a dire in loro stessi: «Chi è costui che perdona anche i peccati?» 50 Ma egli disse alla donna: «La tua fede ti ha salvata; va’ in pace».

IL CULTO

[su_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=udjCZEHYdQA” width=”500″ height=”500″ autoplay=”no”]

IL MESSAGGIO

La benedizione di Dio può manifestarsi principalmente in due modi:
– Quando opera in nostro favore in risposta ad una preghiera
– Quando non ci dà qualcosa ma … ci dice qualcosa!

A volte Dio è costretto a non darci nulla ma a dirci qualcosa e, anche in quel frangente, Egli ci sta benedicendo.
Una delle cose più brutte nella vita di un credente non è il momento in cui Gesù non risponde alle proprie preghiere negandoci ciò che stiamo chiedendo ma il momento in cui non ci parla più.
In questo caso vuol dire che c’è qualcosa nella vostra vita che lo ha deluso o che lo sta deludendo.

Un genitore che ama il proprio figlio non si limita a dare ma anche (e sopratutto) a dialogare, a insegnargli sempre qualcosa in più per fargli comprendere ciò che potrebbe arrecargli del male o del bene.
Da parte nostra, che siamo figli di Dio, dovremmo sforzarci di comprendere che, il non ricevere qualcosa ma sentirsi dire qualcosa da parte di Dio, spesso e volentieri vale molto di più.
Dio per anni ha fornito insegnamenti al popolo d’Israele ma essi non hanno mai voluto ascoltare, i loro occhi erano puntati sul “materiale”.

“Simone ho qualcosa da dirti …” sono le parole che Gesù rivolge a Simone che non riuscì a intravedere nelle parole di Gesù quegli insegnamenti che lo avrebbero condotto alla vera benedizione; sapeva vedere solo negli altri il peccato e non dentro se stesso nonostante fosse fariseo e insegnasse la legge, non avrebbe dovuto additare questa donna ma aiutarla ad uscire dal peccato.
Forse anche noi guardiamo gli altri, li critichiamo, li giudichiamo, siamo severi … mentre verso noi stessi siamo più che misericordiosi; non dimentichiamoci che con la misura con cui noi misuriamo saremo misurati! (Marco 4:24).

Dio desidera che il nostro comportamento sia leale, giusto e fiducioso nei Suoi confronti e nei confronti del nostro prossimo.
Non prendiamo spunto dall’esempio negativo di Simone che, a differenza della donna peccatrice, non diede nemmeno un bacio a Gesù e nemmeno un pò d’acqua per rinfrescarsi i piedi.

Impariamo ad ascoltare la voce di Dio perchè se non lo facciamo, anche se tutte le nostre preghiere ottenessero esaudimento, la benedizione di Dio non sarebbe nella nostra vita.
Gesù non ha sempre qualcosa da DARCI ma ha sempre qualcosa da DIRCI e se ci parla per riprendere la nostra condotta … gloria a Dio!
Ogni giorno ci mancherà qualcosa (di materiale e non) ma se ogni giorno Dio continuerà a parlare ai nostri cuori non potremo che sentirci felici e benedetti, altrimenti saremo credenti tristi e scoraggiati!
Non limitiamoci a chiedere nel continuo ma impariamo ad ascoltare la voce di Dio che crea la vita in noi e, attraverso di essa, ci farà vedere le grandi opere del Signore Gesù; quando Egli ci parla è anche pronto ad operare!
Coraggio! Forse Dio non ci ha donato ancora ciò che gli stiamo chiedendo ma se sta parlando al nostro cuore vuol dire che la Sua benedizione è su di noi e non possiamo che esserne felici!

Dio ci benedica!

Alcuni versetti inerenti all’ascolto della voce di Dio:
– Giovanni 10: 27 –> in quanto pecore dobbiamo ascoltare la voce del nostro divin Pastore
– Apocalisse 3: 20 –> prima di aprire la porta dobbiamo saper ascoltare la voce di Dio
– Giovanni 6:60 –> non sempre il parlare di Gesù sarà piacevole ai nostri orecchi ma rimarrà sempre una grande benedizione
– Giovanni 6:68 –> comprendere a fondo l’importanza della voce di Dio