“Mettiamoci sulla rotta di Dio”

Culto di Domenica 24 Settembre 2017 – “Mettiamoci sulla rotta di Dio”

LA PAROLA

2 Re 7: 3-8
3 C’erano quattro lebbrosi presso l’entrata della porta della città, i quali dissero tra di loro: «Perché ce ne stiamo qui in attesa di morire? 4 Se diciamo: Entriamo in città, in città c’è la fame, e noi vi morremo; se restiamo qui, morremo lo stesso. Dunque venite, andiamo a buttarci nell’accampamento dei Siri; se ci lasciano vivere, vivremo; se ci danno la morte, morremo». 5 Sull’imbrunire, si alzarono per andare all’accampamento dei Siri; e come giunsero all’estremità dell’accampamento dei Siri, ecco che non c’era nessuno. 6 Il Signore aveva fatto udire nell’accampamento dei Siri un rumore di carri, un rumore di cavalli, un rumore di grande esercito, tanto che i Siri avevano detto fra di loro: «Il re d’Israele ha assoldato contro di noi i re degli Ittiti e i re degli Egiziani, perché vengano ad assalirci». 7 E si erano alzati, ed erano fuggiti all’imbrunire, abbandonando le loro tende, i loro cavalli, i loro asini, e l’accampamento così com’era; erano fuggiti per salvarsi la vita. 8 Quei lebbrosi, giunti all’estremità dell’accampamento, entrarono in una tenda, mangiarono, bevvero, e portarono via argento, oro, vestiario, e andarono a nascondere ogni cosa. Poi tornarono, entrarono in un’altra tenda, e anche di là portarono via roba, che andarono a nascondere.

IL CULTO

[su_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=XY7-eE0gXTY” width=”500″ height=”500″ autoplay=”no”]

IL MESSAGGIO

“Eh, doveva andare cosi …”, “Il destino ha deciso cosi” … quante volte abbiamo sentito intorno a noi o abbiamo pronunciato frasi di questo tipo?
Dal punto di vista cristiano si può parlare di destino? Certamento no. Il destino non esiste e infatti non se ne fa menzione nella Parola di Dio; possiamo però parlare di scelte… e di conseguenze!
Ciò che semineremo, le strade che imboccheremo, le persone con cui avremo comunione nel tempo e i nostri atteggiamenti / sentimenti, influenzeranno di per certo il nostro cammino ed è per questo che siamo chiamati a compiere delle scelte guidati da Dio con l’obiettivo di continuare ad intraprendere sempre la strada giusta.
Nella lettura di oggi possiamo constatare che, tra il proposito dei quattro lebbrosi e l’intervento con mano potente di Dio, c’è un aspetto importante … il fatto che essi fossero sulla rotta della volontà di Dio.

Sono tre gli aspetti che ci possono “farci da navigatore” e indicarci la giusta via:

1 – LA SPERANZA
I quattro lebbrosi esprimono prima di tutto la speranza nel Signore (“se ci lasciano vivere, vivremo”); per quanto possa sembrare fragile e labile essa è ciò che li spingerà a fare il primo passo di fede in avanti. I Siri di per certo non li avrebbero accolti a braccia aperte, tutt’altro!
Eppure sperano contro speranza …
Anche noi siamo chiamati a confidare in Dio nel continuo mantenendo sempre accesa la fiamma della speranza. Dio benedice sempre le scelte mosse da una sincera speranza in Lui.
C’è qualcosa di troppo difficile per Dio? NO, senza ombra di dubbio.
Ricordiamoci che quando speriamo compiamo i primi passi che ci instradano nella rotta verso Dio.

2 – L’UBBIDIENZA
Un altro aspetto che si evince dai 4 lebbrosi, e nello specifico in uno di loro, è l’ubbidienza (“Dunque venite, andiamo a buttarci nell’accampamento dei Siri”). C’era infatti un solo passo possibile per loro, muoversi verso i Siri con la piena consapevolezza che Dio aveva già preparato tutto!
Come nella fornace ardente Gesù era il quarto uomo presente in mezzo al fuoco (Daniele 3: 23-25) anche in questo caso il quarto lebbroso può essere identificato con la figura di Gesù che indica la giusta rotta per gli altri tre.
E’ Gesù che fa tutto, Egli è il supremo architetto di ogni nostro progetto di cui noi possiamo limitarci ad essere i raffinatori. A volte vogliamo coprire noi il ruolo di architetto nonostante le nostre limitate capacità, inevitabilmente prenderemo la strada sbagliata.
Non chiediamo a Dio di benedire i nostri piani, ma chiediamoGli di mostrarci i Suoi che, di per certo, saranno già benedetti. Lui prepara la Via, ubbidiamoGli e alla fine, quando ne usciremo vincitori, diamo soltanto a Lui la gloria … ricordiamoci che la firma in fondo al progetto, deve essere la Sua! Ubbidiamo al Signore piegando il nostro cuore davanti a Lui e, se saremo smarriti e allo sbando, Egli ci farà da guida e ci rimetterà sulla giusta strada. Nella Parola di Dio troveremo sempre e solo la verità, TUTTA la verità! E sarà proprio Lei ad indirizzarci sul giusto sentiero.

3 – LA FEDE
Non poteva di per certo mancare la fede tra gli aspetti che ci guidano verso la giusta rotta.
E’ proprio la fede che muove la mano di Dio, i quattro lebbrosi verso l’imbrunire si alzarono per incamminarsi verso l’accampamento dei Siri e proprio in quel preciso momento, sempre all’imbrunire, Dio mise in fuga i Siri dal proprio accampamento.
Buttiamoci anche noi tra le braccia di Dio con la certezza che ci saranno le Sue mani pronte ad accoglierci; ogni passo di fede ci porta sulla giusta strada e fa muovere la mano di Dio in nostro favore. Dio onorerà sempre una fede sincera, ce lo ha detto che non ci lascerà e non ci abbandonerà (Giosuè 1: 5) e noi dobbiamo crederci con tutto il nostro cuore!

Gesù, la guida per eccellenza, è pronta per guidarci verso Dio … lasciamoci trasportare!

Dio ci benedica!