“Prendi una decisione!”

Culto di Domenica 07 Maggio 2017 – “Prendi una decisione!”

LA PAROLA

Luca 19:1-10
Conversione di Zaccheo
1 Gesù, entrato in Gerico, attraversava la città. 2 Un uomo, di nome Zaccheo, il quale era capo dei pubblicani ed era ricco, 3 cercava di vedere chi era Gesù, ma non poteva a motivo della folla, perché era piccolo di statura. 4 Allora per vederlo, corse avanti, e salì sopra un sicomoro, perché egli doveva passare per quella via. 5 Quando Gesù giunse in quel luogo, alzati gli occhi, gli disse: «Zaccheo, scendi, presto, perché oggi debbo fermarmi a casa tua». 6 Egli si affrettò a scendere e lo accolse con gioia. 7 Veduto questo, tutti mormoravano, dicendo: «È andato ad alloggiare in casa di un peccatore!» 8 Ma Zaccheo si fece avanti e disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà dei miei beni ai poveri; se ho frodato qualcuno di qualcosa gli rendo il quadruplo». 9 Gesù gli disse: «Oggi la salvezza è entrata in questa casa, poiché anche questo è figlio d’Abraamo; 10 perché il Figlio dell’uomo è venuto per cercare e salvare ciò che era perduto».

IL CULTO

[su_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=lVMPlB0ThU4″ width=”500″ height=”500″ autoplay=”no”]

IL MESSAGGIO

Zaccheo era un capo dei pubblicani, molto ricco e che apparentemente aveva TUTTO.
Ben presto però si ritrovò ad essere vuoto e, sapendo che Gesù da lì a poco sarebbe passato a pochi passi da lui, desiderò vederlo con tutte le sue forze nonostante la grande folla intorno a lui e alla sua piccola statura.
Fu talmente tanto il desiderio del suo cuore che si arrampicò su un sicomoro per cercare di attirare l’attenzione di Gesù e, prima che potesse aprir bocca, fu Gesù ad accorgersi di lui e lo chiamò per nome invitandolo a scendere dall’albero affinché Egli potesse fermarsi in casa sua. Zaccheo CORSE da Gesù e con il cuore ricolmo di gioia si pentì di ogni sorta di peccato commesso promettendo di restituire ai poveri tutto ciò che egli illecitamente aveva rubato in passato.
Forse anche tu fino ad oggi hai creduto di avere tutto, ma a conti fatti hai capito che ti manca la vera felicità, una felicità che non può scaturire da ciò che è materiale, ma una felicità spirituale che nasce e giunge al tuo cuore direttamente da Dio mediante l’opera di Cristo sulla croce. Siamo peccatori e la nostra condanna è l’inferno ma stai tranquillo, Gesù ha già pagato per ognuno di noi, si … anche per te! Non devi far altro che accettare questo grande miracolo nella tua vita, ravvederti dal peccato e gioire per la salvezza.
Non mancheranno le avversità, le folle e la “piccola statura” faranno il possibile per allontanarti da Dio, ma con la perseveranza riuscirai con gli occhi della fede a scorgere Gesù per invitarlo nel tuo cuore, Egli non vede l’ora … è lì che ti aspetta, proprio lì accanto a te.
Decidi OGGI stesso da che parte vuoi stare, quale posizione prendere e lascia tutto nelle mani di Dio, che è pronto ad accoglierti tra le Sue braccia amorose e a cambiare la tua condizione di vita, prima di tutto spirituale ma anche materiale secondo la Sua perfetta volontà.
OGGI la salvezza può entrare nella tua casa se solo apri il tuo cuore, Gesù è morto per ognuno di noi, Egli è venuto qui in terra per salvare noi perduti versando il Suo prezioso sangue sulla croce.
Non focalizzare la tua attenzione sul mondo materiale, ma fissa lo sguardo su Gesù, colui che crea la fede e la rende perfetta (Ebrei 12: 2) e potrai gustare il meraviglioso passaggio dalle tenebre di Satana alla luce perfetta di Dio.
Fermati un attimo e pensa a quante cose Dio ha già fatto per te nonostante la tua condizione di peccatore lontano da Cristo. Anche l’aria che respiri proprio in questo momento è un dono di Dio, tua moglie è un dono di Dio, tuo marito è un dono di Dio, i tuoi figli sono un dono di Dio, la tua salute è un dono di Dio … tutto proviene da Dio!
Il mondo non ha nulla da offrirti, anzi, è pronto a spogliarti da ogni valore e a tenerti lontano dalla vera gioia lasciandoti in una condizione di carestia spirituale perenne.
Ma non ti preoccupare, OGGI è il giorno della salvezza (2 Corinzi 6-2), il giorno in cui puoi prendere con fermezza una posizione e, se lo farai con tutto il tuo cuore, nessuno sarà in grado di smuoverti e toglierti ciò che Dio ha già preparato per te.
Dio ti sta aspettando, è alla porta e aspetta il tuo ritorno a Lui come il padre con il figlio prodigo. Ha già un vestito e dei calzari nuovi che ti aspettano tagliati su misura per te (Luca 15: 11-32).
E allora cosa aspetti? Apri il tuo cuore e lascia entrare Gesù!!

Dio sia lodato!